Ultima modifica: 9 dicembre 2018

Alternanza scuola lavoro

Alternanza scuola-lavoro (ASL)

Il nostro Liceo attiva la metodologia di apprendimento attraverso i percorsi di alternanza scuola-lavoro in continuità con le numerose esperienza svolte negli anni passati, precedenti la legge n.107 del 2015.

Il piano di studi della nostra scuola, infatti, include laboratori e progettazione delle discipline di indirizzo la cui didattica ben si coniuga con collaborazioni con numerosi soggetti del territorio.

Per ragioni organizzative e di risorse umane ed economiche disponibili, e per i limiti che la legge ci impone nel tipo di spese finanziabili con i fondi ministeriali, ogni docente tutor ha scelto, di concerto al consiglio di classe, dei moduli di attività coerenti con le linee generali, aprendo l’offerta formativa di norma a tutta la classe, ma anche creando percorsi diversificati per piccoli gruppi di studenti.

La ricchezza di esperienze del passato e i numerosi contatti con ditte ed enti ci permettono di offrire percorsi di svariata natura e perciò, per quanto possibile, la scuola cura anche la diversificazione dei percorsi per meglio adattarli agli interessi ed ai talenti individuali.

Nel corso delle 200 ore di alternanza scuola-lavoro del triennio, lo studente potrà raggiungere le competenze individuate dal collegio dei docenti svolgendo uno o più percorsi afferenti ai diversi moduli qui di seguito illustrati.

Di norma si prevedono 70 ore in terza, 70 ore in quarta e 60 ore in quinta, ma è in corso il tentativo di ridurre il numero di ore della classe terminale.

Il percorso della terza classe include il corso base di sicurezza.

Quanto deciso dal nostro Liceo è coerente con le linee guida ministeriali, in particolare con la

ed il

recante anche le modalità di applicazione della normativa per la tutela della salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro agli studenti in regime di alternanza scuola-lavoro.

Per maggiori informazioni e chiarimenti si rimanda alla consultazione del nostro PTOF.

Nel seguente file sono indicati i docenti coordinatori di classe e i docenti referenti per le attività di alternanza scuola/lavoro per ogni classe delle due sedi di Pisa e Cascina.

Tipologie di attività coerenti con il profilo di studi raggruppate in moduli

 

Modulo orientamento

previous arrow
next arrow
Slider

 

Modulo aziende e territorio

previous arrow
next arrow
Slider

Approfondimento e progettualità

previous arrow
next arrow
Slider

Laboratorio aziendale

previous arrow
next arrow
Slider

Monte ore generale e individuale

La scuola garantisce un’offerta di PASL flessibile e personalizzabile entro i limiti delle possibilità organizzative e delle risorse disponibili; potrà pertanto accadere che a fronte di assenze degli studenti o di indisponibilità degli stessi a partecipare ad iniziative organizzate e proposte, la quantità di ore svolte dal singolo studente relative al PASL non arrivi al monte ore totale (200) fermo restando l’impegno della scuola ad offrire per tutte le classi del triennio un’offerta formativa che preveda il suddetto modulo di 200 ore completo e ad attuare tutte le forme di tutela possibili per la realizzazione di buoni PASL ben fruibili da tutti.

Sulla ammissibilità del numero di assenze si fa riferimento alle linee guida di cui si riporta uno stralcio:

“Per quanto riguarda la frequenza dello studente alle attività di alternanza, nelle more dell’emanazione della “Carta dei diritti e dei doveri degli studenti in alternanza scuola-lavoro, concernente i diritti e i doveri degli studenti della scuola secondaria di secondo grado impegnati nei percorsi di formazione di cui all’articolo 4 della legge 28 marzo 2003, n.53, come definiti al decreto legislativo 15 aprile 2005, n.77” 37, ai fini della validità del percorso di alternanza è necessaria la frequenza di almeno tre quarti del monte ore previsto dal progetto.”

Alcuni studenti, particolarmente attivi ed intraprendenti potranno svolgere un numero maggiore di percorsi anche superando il monte orario previsto dalla scuola per l’intera classe. Anche questa forma di flessibilità è subordinata alla progettazione e pianificazione del CdC.

Casi particolari

 

Link vai su